Webinar

AIPS ha deciso di organizzare un ciclo di webinar riservati e gratuiti per i suoi soci/sostenitori. L’obiettivo è quello di condividere momenti informativi su alcune tematiche di particolare interesse nel nostro ambito professionale. I webinar si svolgeranno sulla piattaforma Zoho Meeting e per partecipare è necessario pre-iscriversi. Il nostro staff verificherà le richieste e invierà, soltanto ai membri in regola con il versamento della quota associativa per l’anno in corso, l’invito per accedere all’appuntamento online.

Il calendario degli incontri verrà aggiornato con l’approssimarsi della data dei singoli eventi. Cliccando sugli eventi sottostanti è possibile accedere al link di pre-registrazione, con indicazione di data e orario.

I Soci ordinari possono anche presentare alla Segreteria un’eventuale proposta di webinar, descrivendo in modo dettagliato i contenuti ed inviando preventivamente le slide che intendono utilizzare; la stessa procedura può essere utilizzata da un Sostenitore, con la proposta controfirmata da un Socio ordinario.

  • Come trasformare da limite a risorsa il leader negativo nel gioco di squadra

    Intervento della dott.ssa Isabella Gasperini in occasione della giornata di formazione AIPS tenutasi sabato 14.5.2022

  • Leadership e squadra: aspetti individuali e dinamiche gruppali

    Intervento della dott.ssa Silvia Ciocca in occasione della giornata di formazione AIPS tenutasi sabato 14.5.2022

  • La psicologia dell’escursionismo

    Webinar a cura della dott.ssa Mabel Morsiani in cui cercheremo di approfondire la psicologia legata a questa disciplina motoria

  • Strategie di autoregolazione delle emozioni per la prestazione sportiva

    In questo webinar il Prof. Claudio Robazza, che ci parlerà delle strategie di autoregolazione delle emozioni per la prestazione sportiva, attraverso modelli di interventi e ricadute operative.

  • Bambini e bambine nello sport

    Lo sport è un settore tradizionalmente considerato maschile e i progressi compiuti nella parità di genere in tale ambito sono frenati o rallentati da stereotipi culturali e concezioni sociali rispetto al concetto di mascolinità e femminilità, che sovente associano lo sport o certi tipi di sport a caratteristiche più tipicamente "maschili". Gli stereotipi di genere influenzano la partecipazione delle donne allo sport, ai processi decisionali nelle organizzazioni sportive e ancor prima alla partecipazione e alla scelta della disciplina sportiva quando si è bambini: pensiamo alla diffusa perplessità dell'adulto quando un bambino esprime il desiderio di far danza e la bambina calcio. Ma esistono davvero sport da maschi e da femmine? Cervelli maschili e femminili? Avvalendoci dei contributi delle più recenti ricerche scientifiche, senza dimenticare gli aspetti storico-culturali, proveremo a rispondere a queste domande

  • Attivazione, ansia e prestazione sportiva

    Un nuovo webinar di AIPS, stavolta dedicato al tema fondamentale dell’attivazione e dell’ansia nella prestazione sportiva.Nel corso delle ultime manifestazioni sportive, in particolare delle Olimpiadi, si è molto parlato di stress, ansia e attivazione. In ambito sportivo, ma non solo, spesso si tende a utilizzare in maniera intercambiabile questi termini, che tuttavia sono concetti diversi e ben distinti.Il webinar, condotto dalla dott.ssa Marta Ghisi, sarà focalizzato sul presentare in maniera dettagliata sia tali costrutti psicologici, soprattutto attivazione e ansia, sia la modalità con cui questi sono in grado di influire in positivo e in negativo sulla prestazione sportiva, facendo ricorso a diverse teorie e modelli esplicativi.Verrà inoltre fatto cenno alle principali modalità cognitive di intervento per la gestione dell’ansia competitiva disfunzionale.

  • Facilitare le transizioni nello sport e supportare la doppia carriera degli atleti

    Nel corso degli ultimi decenni il tema delle transizioni di carriera nello sport è cresciuto di importanza. Le transizioni nello sport possono essere definite come momenti o situazioni significative della carriera sportiva (Wylleman, Alfermann e Lavallee, 2004). Esse devono essere gestite dagli atleti poiché rappresentano sfide specifiche che possono influenzare la qualità dell’esperienza e della partecipazione nello sport. Il webinar presenterà dunque le transizioni nello sport e i principali modelli teorici usati per studiare le transizioni di carriera; a seguire, si illustra come i cosiddetti dual career support provider (ad esempio, psicologi dello sport, laureati in scienze motorie) possono svolgere consulenza per facilitare la doppia carriera degli atleti, e si presentano strumenti, interventi e buone pratiche che possono essere utilizzate da professionisti diversi, seguendo modalità e scopi altrettanto differenziati, per lavorare in questo ambito in modo efficace e sostenere la doppia carriera degli atleti.Ne parlerà la Dott.ssa Francesca Vitali, membro del Direttivo AIPS.

  • Neuroscienze e Sport

    Si sottolinea, spesso ingenuamente, che la “testa” giochi un ruolo essenziale nel raggiungimento della massima performance sportiva. Ma cos’è esattamente la “testa” a cui facciamo riferimento, come funziona e com’è fatta al suo interno? In questo webinar, condotto dal dott. Francesco Di Gruttola, entreremo nel cervello dell’atleta per fare una panoramica delle aree cerebrali che sottendono le abilità mentali, spiegando il loro funzionamento. Inoltre scopriremo le più avanzate tecniche di indagine delle Neuroscienze dello sport che ci consentiranno di strizzare l’occhio al presente e al futuro di questa disciplina.

  • Evoluzione della psicoterapia cognitiva in psicologia dello sport

    In questo Webinar il Dr. Gianfranco Gramaccioni, medico e psicoterapeuta, già Presidente dell’Associazione Italiana di Psicologia dello Sport, illustrerà le fasi evolutive dell’orientamento cognitivo-comportamentale, la sua possibile integrazione con altre tecniche e la possibile ricaduta applicativa nell’ambito della psicologia clinica dello sport. Il webinar è rivolto agli psicoterapeuti ma anche agli psicologi dello sport non psicoterapeuti, per cercare di valutare come alcuni modelli cognitivi possano essere utilizzati, ovviamente con finalità diverse e precisi limiti, anche dallo psicologo dello sport che opera “sul campo” e su problematiche che non richiedono un intervento clinico. In particolare verrà presentato l’Integrative CBT Model, recentemente descritto in letteratura (Alladin, 2017) .Questo approccio integrato, ottenuto dalla combinazione dell’ipnoterapia con la terapia cognitivo-comportamentale, ha raggiunto numerosi progressi negli ultimi venti anni, tra questi emergono (Alladin, 2012): l’applicazione ad una vasta gamma di disturbi psicologici e medici; la metodologia chiara e le misure volte a facilitarne la replicabilità; la validazione empirica, le meta-analisi e le reviews; la concettualizzazione come modello riconosciuto di psicoterapia.

  • L’intelligenza Emozionale nello Sport

    Le emozioni sono una componente significativa dello sport e dell’attività motoria più in generale; esse sono viste soprattutto come elementi di natura relativamente transitoria, ma diversi autori hanno anche sottolineato l’esistenza di un livello più stabile e globale che riflette le disposizioni emozionali individuali. Il costrutto di “Intelligenza emozionale” (IE), reso popolare da Goleman a metà degli anni ’90, si è diffuso in molti ambiti, soprattutto in relazione alle sue potenzialità nell’influenzare in modo positivo le prestazioni umane, le relazioni interpersonali ed il benessere individuale. L’IE è stata studiata in modo specifico anche nello sport per verificarne la relazione con prestazione sportiva, emozioni, risposte allo stress, abilità mentali e motivazione. La maggior parte delle ricerche sono centrate sugli atleti, ma vi sono anche studi sugli allenatori, su giudici e arbitri, e anche sugli spettatori. Del resto, le emozioni sono una componente fondamentale del fenomeno sportivo, a tutti i livelli e per tutte le componenti che vi sono coinvolte.Il webinar sarà condotto da Sylvain Laborde, ricercatore presso il Dipartimento di psicologia della prestazione della German Sport University di Colonia. Uno dei suoi ambiti principali di ricerca riguarda proprio l’intelligenza emozionale, rispetto alla quale sta approfondendo le relazioni con indicatori psicofisiologici oggettivi (ad es., variabilità cardiaca, cortisolo, EEG) e sviluppando programmi di intervento nello sport.

Copyright © 2024 AIPS - Associazione Italiana Psicologia dello Sport e dell’esercizio. Tutti i diritti riservati. - P.IVA: 00866251002 - C.F.: 00887860385
Progetto sviluppato da Simpleweb.it - Mappa del sito - Privacy Policy - Cookie policy